Italian English
HOME   |   AZIENDA   |   CONTATTI   |   SPEDIZIONI   |   PAGAMENTI   |   TERMINI DI VENDITA
 

Non faremo più a meno del cellulare...potremo pagarci addirittura il caffè In evidenza

A Biella, da qualche settimana si sta sperimentando la prima Light banking d’Italia, una banca che c’è ma non si vede, che ha tutta la sicurezza e la professionalità degli istituti tradizionali alle spalle, ma è semplicissima da usare ed è tutta racchiusa in un’innovativa app che, una volta scaricata, trasforma lo smartphone in un conto di moneta elettronica.

Il test del nuovo progetto «made in Banca Sella» è stato fatto in città dove una sessantina di negozi, di tutti i generi, dai bar agli alimentari, all’abbigliamento, all’elettronica, hanno buttato il cuore oltre l’ostacolo insieme a un migliaio di utilizzatori. Commercianti e clienti hanno sostituito il denaro contante con il cellulare facendo affari velocemente e facilmente a cominciare dai pagamenti. E non solo. Chi ha scelto Hype può procedere a tutte le principali operazioni bancarie.

Come funziona? Con Hype è possibile aprire un conto ovunque ci si trovi e in pochi minuti facendosi identificare con un selfie; dare denaro agli amici selezionando i loro contatti dalla rubrica del telefono come normalmente avviene per i messaggi; fare shopping e avere sempre sotto controllo ciò che si può spendere senza intaccare i risparmi necessari a raggiungere gli obiettivi che ci si è dati. L’app può essere scaricata sui dispositivi Apple e Android ed è operativa in pochi minuti, anche senza avere un altro conto corrente e senza dover firmare e spedire documenti cartacei.

Biella, partita come città sperimentale per il servizio, è una di quelle, in Italia, dove Hype è più diffusa. Sono stati una quindicina i commercianti che hanno fatto un periodo di prova di un mese per mettere a punto l’app. Tra i negozi che adesso utilizzano abitualmente il sistema ci sono il Glamuor e il Bon Ton. «Subito ero scettico – racconta Simone Frezzato del locale di via Gustavo di Valdengo – perchè non sapevo come potevano cogliere la novità i miei clienti. Invece oggi facciamo almeno una trentina di operazioni al giorno». Con questo sistema, le persone pagano di tutto, l’abito, la spesa, la cover del telefono e naturalmente il caffè, il panino, l’aperitivo e la cena. «Alcuni clienti- continua Frezzato – li abbiamo proprio fidelizzati con questa novità. Il vantaggio, per noi è anche dal punto di vista fiscale: a fine giornata con il Pos dobbiamo sempre fare i conti per capire quanto è stato utilizzato. Hype fa la chiusura da solo». Rispetto alle commissioni di un pagamento con Visa o bancomat, quelle dell’app sono praticamente nulle: «Ognuno ha un suo contratto con la banca – racconta Enrico Zanetta del Bon Ton – Io per esempio pago 60 centesimi a transazione ogni volta che una persona usa il bancomat, e 1,20 per la Visa. E capita che certe persone chiedano di pagare il caffè con una carta perchè non hanno contante o non hanno voglia di andare a prelevare. Ma a quel punto a me l’operazione non conviene. Con Hype il discorso è differente. E’ sufficiente essere connessi a internet tutto il giorno, e ormai ci sono dei contratti molto vantaggiosi».

 

 

Letto 1669 volte
AZIENDA

Chi siamo
Controllo qualità
Contatti
In primo piano
Promozioni
PRODOTTI

Miscela Bar
Miscela Casa
Linea Capsule
Linea Cialde
Linea Tea e Tisane
INFORMAZIONI

Spedizioni
Pagamenti
Termini di vendita
Carrello
Linea Tea e Tisane
Torrefazione EFFE Caffè
di Antinori Fabio


Contrada Sasso, 2
62010 Mogliano (MC)
P.IVA 01510000431



Powered by Omisoft srl
login
Azienda con sistema di qualità certificato
ISO 9001 & ISO 22000